agenzia immobiliare bergamo olivati

agenzia immobiliare bergamo olivati
risolviamo problemi di casa dal 1990

venerdì 27 dicembre 2013

#immobiliare #olivati #bergamo: vendite e affitti fine 2013/inizio 2014

Per le schede dei singoli immobili digitare il nome della zona nel motore di ricerca del blog (stringa in alto a sinistra sopra la testata).

Giuliano Olivati per immobiliare Olivati Bergamo

sabato 21 dicembre 2013

Ospedali Riuniti, da #Bergamo una lezione per l'#immobiliare

«Risposte nuove per uscire dalla crisi»
L'Eco di Bergamo, 21/12/13

«La vicenda dei Riuniti è emblematica dell’approccio abbastanza distorto che abbiamo avuto per anni verso il mercato immobiliare». Un mese fa il suo intervento al convegno organizzato dall’Ordine degli architetti sul futuro dell’area dell’ex ospedale aveva strappato applausi a scena aperta. Preciso e provocatorio, quasi chirurgico: e del resto Ezio Micelli, docente allo Iuav di Venezia e già assessore nel capoluogo lagunare, non è tipo da girare intorno alle cose.

«Per anni abbiamo spostato la linea tra pubblico e privato in direzione di quest’ultimo, cedendo porzioni anche importanti di città all’investitore perché si pensava fosse il modo giusto di valorizzarle. E cosa voleva dire questo? Un percorso dove la parola valorizzazione equivaleva a dire privatizzazione con variante ed aumento di potenziale edificatorio. Questo era il senso».

Il famoso privato salvatore della patria...
«Ma sì, del resto sono 20 anni che continuiamo a pensare che il debito pubblico si salvi con la valorizzazione del patrimonio: che il pubblico gestisce male le cose, è inefficiente, e che poi arriverà il privato. Solo che dal 2006 ad oggi abbiamo assistito ad un numero impressionante di operazioni finite in stallo: progetti che ci sembravano meravigliosi, che ci avrebbero regalato città moderne e super efficienti, alla fine si sono fermati. E questo perché il mondo è profondamente cambiato: non in modo congiunturale, ma strutturale».

E adesso com’è la situazione?
«Complessa e terribilmente delicata. Nel 2006, dopo la grande sbornia, pensavamo di vivere un paio d’anni di crisi, un passaggio quasi fisiologico. Doveva passare la nottata e poi nel 2011-2012 riprendeva tutto, e con le stesse logiche di prima: il privato ha così messo a bilancio il valore delle aree acquistate e rinegoziato il debito con le banche, il pubblico è rimasto fermo sulle sue prospettive. Poi siamo passati al 2013 e non è cambiato nulla».

Ora da dove ripartiamo?
«Dai fondamentali. L’immobiliare cresce se crescono i due grandi determinanti: l’economia e la popolazione. Solo che non vedo né il primo né il secondo. Da 15 anni il Paese, se cresce, lo fa dello zero virgola qualcosa: e da un punto di vista demografico gli abitanti sono sì aumentati, ma sul versante dell’immigrazione. E allora o facciamo finta di niente e rimuoviamo la realtà, oppure a fronte di una crisi che si trascina da 15 anni, minando il risparmio di tutti, dobbiamo cominciare a pensare questi patrimoni immobiliari in modo diverso».

Proviamoci...
«Servono altre logiche, una prospettiva differente. Aspettare che arrivi il grande investitore vuol dire credere a Babbo Natale: ci fa stare bene di questi tempi, ma non è la realtà. Quante volte abbiamo detto “facciamo un’asta, che poi arriva qualcuno che compra tutto in blocco e ci pensa lui”?».

Con i Riuniti è andata così.
«E infatti le due aste sono finite deserte, qui come in tutta Italia. Perché non esiste oggi un investitore che arriva in realtà di provincia seppure ricche come Bergamo a salvare progetti che spesso non hanno più senso economico, né capo e né coda. Diverso è il discorso di alcune grande operazioni di Roma e Milano, dove comunque gli investitori si muovono con grande oculatezza».

Quindi come ne usciamo?
«Con una discontinuità funzionale. E, mi passi l’ironia, servono soluzioni che non siano partite di giro: con il pubblico che vende con una mano e ricompra con l’altra».

Sembra proprio il caso della Cassa depositi e prestiti.
«L’ha detto lei. Io non voglio fare polemica...».

Cosa intende con discontinuità funzionale?
«Per esempio livelli di densità coerenti con la realtà dei fatti: realizzare migliaia di alloggi per mercati che non sanno più cosa farsene è un problema, non una risorsa. Meglio piuttosto spazi aperti che generano qualità, ben più adatta a realtà come Bergamo. E anche in merito al recupero dobbiamo essere chiari: per anni abbiamo pensato che buttare giù e rifare fosse comunque conveniente, a prescindere. Ma spesso demolire significa perdere valore, soprattutto se non c’è domanda: ed è da qui che dobbiamo ripartire, dalla reale domanda anche nei processi di riuso e rigenerazione».

In che modo?
«Pensando ad un settore che torni a volumi di produzione più contenuti ma più appropriati alla domanda, quindi alla realtà, e su questi costruire delle marginalità. Perché non possiamo nemmeno pensare ad imprenditori-benefattori che si muovono gratis et amore dei. Io uso sempre il paragone del vino...».

Prego?
«Dopo la crisi del metanolo, il settore mica si è fermato: ha risposto smettendo le grandi produzioni e puntando invece su una qualità molto più attenta al nuovo modo di vivere. Qualità con molta meno quantità consumata, insomma, e l’immobiliare deve cominciare a pensare con queste logiche. Perché non torneremo più ad investire e comprare case dalla mattina alla sera, e proprio la vicenda dei Riuniti lo conferma. Ma se ragioniamo di più sull’investimento, faremo di meno e meglio. Questo è un Paese che deve ritrovare il senso di uno sviluppo: non può più pensare di produrre migliaia di metri quadri di case e terziario perché, forse, magari, qualcuno in futuro le comprerà. Lavorando invece su scale d’intervento più limitate e attente alla qualità, le imprese torneranno a fare soldi e a stare sul mercato con maggiore convenienza».

Dino Nikpalj

mercoledì 18 dicembre 2013

#bergamo, il rebus #immobiliare degli ospedali riuniti

la partita degli Ospedali Riuniti di Bergamo si sta dimostrando sempre più una specie di Monopoli sbagliato. l'enorme area di 140 mila metri quadri doveva essere venduta ai costruttori per una colossale riqualificazione urbanistica, ma resta al palo dopo il fallimento del secondo esperimento d'asta. la mancata vendita del vecchio nosocomio (ah, la crisi che nessuno aveva previsto...) ha costretto Regione Lombardia ad anticipare il centinaio di milioni che sono serviti per costruire il nuovo ospedale alla trucca (su una specie di palude, ma questa è un'altra storia).

il complesso degli Ospedali Riuniti, svuotato e inutilizzato, è un buco nero urbanistico che va riempito per salvaguardare l' identità della zona piscine - santa lucia, una delle più ambite e prestigiose del mercato immobiliare bergamasco.

uno spiraglio in questa direzione è dato dall'interessamento della Guardia di Finanza su una parte (pare almeno un terzo) dell'area degli Ospedali Riuniti, per concentrare su bergamo (che già ospita il biennio) l'intero quinquennio del corso di laurea dell'accademia della guardia di finanza. la Cassa Depositi e Prestiti farebbe da ponte, acquistando da Infrastrutture lombarde l'area per poi girarne una parte alla Guardia di Finanza, che pagherebbe con fondi ministeriali.

qualcuno storce il naso per il rischio di militarizzazione di una zona residenziale di pregio. molti nel quartiere tirano invece un sospiro di sollievo, dato che gli enormi padiglioni abbandonati del vecchio ospedale sono un allettante ricettacolo per sbandati e senza tetto.

speriamo che chi di dovere non meni troppo il can per l'aia, se non si vuole rischiare la perdita di identità e attrattività residenziale della zona. il quartiere di santa lucia non lo merita, e nemmeno il mercato immobiliare bergamasco.

Giuliano Olivati per Immobiliare Olivati Bergamo

lunedì 4 novembre 2013

#Olivati (#Fiaip): Il mercato #immobiliare a #Bergamo

Come va il mercato #immobiliare? Ce lo spiega #Olivati

Giuliano Olivati interviene al talk show "Parlare di abitare" sul canale all-real-estate ADA Channel.

martedì 29 ottobre 2013

#bergamo #trilocale #vendita #immobiliare #olivati

Per info tel. 3356069107 email info@olivati.com

#immobiliare #olivati # bergamo: offerte della settimana

Per info tel. 3356069107 email info@ olivati.com

martedì 8 ottobre 2013

#BERGAMO #MONTEROSSO VENDESI #QUADRILOCALE - #immobiliare #olivati

Nel verde di Monterosso, vendesi appartamento di ottimo taglio, ampio soggiorno, cucina abitabile, 3 letto, doppi servizi, rispostiglio, balconi, cantina e box. Grande tranquillità, zona  e palazzo signorile. L'appartamento ha ottime finiture ed è termoautonomo. Consigliato a chi cerca decoro e tranquillità. Comodo ai servizi e ai collegamenti ATB con il centro. € 295.000 trattabili - Classe energetica C EPH 77,29 kWh/mqa.

Tel. OLIVATI 335-6069107
email: info@olivati.com




































#olivati (#fiaip) la situazione del mercato #immobiliare a #bergamo


solo una richiesta di prezzo realistica consente di vendere la propria casa

lunedì 30 settembre 2013

#PONTIDA (#BERGAMO) #IMMOBILIARE #OLIVATI VENDE #AREA EDIFICABILE RESIDENZIALE PER #VILLA

bella zona pedecollinare, vendesi area edificabile residenziale (anche per villa mono/bifamiliare) con interrato prima soletta, progetto approvato, parte oneri pagati, ca mq 2.030 - ca mc 1.600 ft. € 540.000 trattabili.

Immobile non soggetto all'obbligo di certificazione energetica.

PROPOSTA DI VENDITA ALTERNATIVA:
 può essere venduta frazionatamente una porzione del terreno per realizzare una villa mono/bifamiliare.

Cessione del terreno frazionato con interrato già realizzato e quasi totale versamento degli oneri per una cubatura sopra terra di ca mc 651, interrato di ca mq 82.50 + corsello in comune, terreno a giardino mq. 830 circa.
Possibilità di edificare a progetto o diversamente anche con tecnico diverso dal progettista.

Non è compresa la parte di onere per la realizzazione delle opere in comune con la palazzina A cioè la recinzione e il completamento del corsello box, camminamenti esterni ecc.

Il tutto viene offerto ad € 260.000

Si può trattare il prezzo in base ai pagamenti ed all'eventuale appalto della costruzione.

Tel OLIVATI 335-6069107
email: info@olivati.com 

sabato 14 settembre 2013

#Bergamo: #immobiliare mette ko il consorzio di bonifica

«Consorzio Bonifica, tributo illegittimo se il servizio è già pagato al Comune» La commissione tributaria provinciale accoglie il ricorso di un'immobiliare «Imposta esigibile solo per gli immobili esterni alle reti fognarie comunali»

Alessandro Belotti
L'Eco di Bergamo 14/09/13

Il pagamento del contributo al Consorzio di bonifica della media pianura non è dovuto se l'immobile sorge in una zona servita dalla rete scolante comunale, perché, in questo caso, ci si troverebbe di fronte a una duplicazione dell'imposta. La commissione tributaria provinciale ha accolto parzialmente il ricorso di un contribuente, annullando in parte la cartella impugnata e sancendo il divieto di duplicazione d'imposta. La sentenza è avversa al Consorzio di bonifica ed è relativa al contributo più volte entrato nel mirino delle associazioni dei consumatori, in particolare l'Unione bergamasca consumatori da anni sta portando avanti questa battaglia e ha anche recentemente promosso una class action. «Tassa già pagata» L'associazione dei consumatori si è schierata a fianco di un contribuente che ha deciso di ricorrere alle vie legali, ritenendosi ingiustamente gravato dal pagamento dell'obolo. La prima sezione della commissione tributaria di Bergamo, presieduta da Armando Grasso, ha accolto le richieste della società «Immobiliare Valle Serio Spa» con sede a Seriate (assistita dal legale dell'Unione bergamasca consumatori di Bergamo, l'avvocato Gabriele Forcella) che aveva impugnato la cartella esattoriale dell'importo di 4.410,88 euro ricevuta per gli anni 2006, 2007 e 2011 e relativa a diversi immobili situati a Bergamo, Curno, Levate, Seriate, Torre Boldone, Verdellino e Verdello. La commissione, dopo aver disposto una consulenza tecnica ad hoc, ha accertato che la società ricorrente pagava già la tassa per il servizio di raccolta, smaltimento e depurazione delle acque a Bergamo, Curno, Torre Boldone e Seriate, in quanto questi Comuni dispongono di una propria rete fognaria. Secondo la sentenza, dunque, il pagamento del contributo al Consorzio di bonifica costituisce un doppio pagamento per lo stesso servizio. «Il Comune gestisce acque reflue» La difesa del Consorzio ha invece puntato sul fatto che con il proprio sistema fognario il Comune gestirebbe soltanto le acque reflue (ossia gli scarichi domestici o industriali), mentre le acque meteoriche o piovane risulterebbero gestite dallo stesso Consorzio che, dunque, avrebbe il diritto di esigere, almeno relativamente alle cosiddette «acque meteoriche», i contributi richiesti. Nulla da fare perché la sentenza ha obiettato che «secondo una precisa legge dello Stato le acque reflue non vanno distinte da quelle meteoriche». Consumatori soddisfatti La commissione ha riconosciuto la legittimità del contributo nel caso in cui nel Comune non sia presente la rete fognaria, come risultato dalla perizia per gli immobili della ricorrente posti all'esterno della rete fognaria di Levate, Verdellino e Verdello. Riassumendo: se l'immobile sorge in una zona servita dalla rete scolante comunale niente contributo al Consorzio; se invece sorge all'esterno della stessa rete idrica e il servizio di raccolta e smaltimento è assicurato da una rete di fossi e canali connessa al reticolo idraulico gestito dal Consorzio, quest'ultimo potrebbe esigere legittimamente il contributo a condizione che risulti quel beneficio diretto e specifico previsto dalla Legge Serpieri del 1933. Una sentenza che per l'Unione bergamasca dei consumatori costituisce «una nuova pronuncia favorevole ai contribuenti».

mercoledì 4 settembre 2013

#immobiliare #olivati #Bergamo #affitto #casa Magrini - Carnovali

zona Magrini - Carnovali, affittasi porzione di casa termoautonoma indipendente cielo terra in via privata molto tranquilla, munita di giardino cucina abitabile arredata con camino, due letto (di cui 1 camera arredata), doppi servizi, solaio, ampio cantinato fruibile. posto auto. vicina al centro, autostrada, stazione, supermercati. €700/mese. classe energetica F EPH 158,78. tel. olivati 335-6069107 email info@olivati.com

martedì 6 agosto 2013

#immobiliare #olivati #bergamo #affitto porzione #casa indipendente via carnovali

https://plus.google.com/106283069980598505641/posts/J7jh1Vxx2Yz

giovedì 1 agosto 2013

#immobiliare: oltre la certificazione energetica

#realestate #news si stanno sviluppando sistemi di quantificazione della qualità intrinseca del building tramite misurazione dell'efficienza energetica, che a sua volta sottende criteri costruttivi e impiantistici #sapevatelo

sabato 20 luglio 2013

#immobiliare #olivati #bergamo #affitto #quadrilocale #centro matris domini

stabile signorile, appartamento ristrutturato: soggiorno, cucina abitabile, 3 letto, doppi servizi, balcone. cantina e solaio, box (se interessa). €700/mese. classe energetica G eph 189.07 kWh/mqa. tel olivati 3356069107 email: info@olivati.com

www.olivati.com

venerdì 19 luglio 2013

#quadrilocale arredato #olivati #immobiliare #bergamo #affitto via bonomelli stazione

#olivati #immobiliare #bergamo #affitto via bonomelli stazione quadrilocale arredato classe en. G eph 197.05 kWh/mqa. tel 3356069107 email: info@olivati.com - www.olivati.com

venerdì 21 giugno 2013

#immobiliare #olivati #vendita #bergamo #bilocale zona #stadio

https://plus.google.com/photos/106283069980598505641/albums/5891871064960803185/5891871065479284770?pid=5891871065479284770&oid=106283069980598505641


martedì 21 maggio 2013

foto mansarda pedrengo